VIAGGIO NELL'OMEOPATIA

Medicinali omeopatici: alcune curiosità

Nelle precedenti uscite di Viaggio nell’Omeopatia abbiamo già affrontato il discorso legato ai medicinali omeopatici unitari e complessi. Ma come è possibile distinguerli senza avere competenze mediche?
Scopriamo qualcosa in più su questo e altri quesiti legati all’assunzione dei farmaci omeopatici.

Come si fa a distinguere un medicinale omeopatico unitario da un medicinale omeopatico complesso?

Come abbiamo già visto in precedenza esistono delle differenze tra medicinale omeopatico unitario e complesso. Il medicinale omeopatico unitario contiene un’unica sostanza diluita e dinamizzata mentre quello complesso è costituito dall’associazione di più sostanze aventi azione sinergica nei confronti di una determinata patologia.

Riconoscerli è piuttosto semplice, già a partire dal loro nome: il medicinale omeopatico unitario, infatti, è, di norma, in vendita con la denominazione scientifica della sostanza dal quale viene ricavato.
Ad esempio:

  • Aconitum napellus è il rimedio preparato dalla pianta erbacea dell’Aconito, da cui prende il nome;
  • Nux vomica si chiama così proprio perché viene ricavato dalla pianta Nux vomica.
  • Ecc.

I rimedi omeopatici complessi invece presentano nomi commerciali di fantasia e sono spesso identificati da sigle come R1, VC15, IMO10 ecc…

Se il farmacista non dispone della diluizione prescritta, è possibile prenderne un’altra simile?

In questo caso bisogna sempre affidarsi al parere del medico omeopata presso il quale si è in cura. Il cambio della diluizione, infatti, non può essere una decisione che il paziente prende in autonomia.
Se il farmacista non dispone della diluizione prescritta, un’eventualità oggi molto rara poiché attraverso la moderna filiera della distribuzione del farmaco ogni punto vendita è in grado di rifornirsene in poche ore, è indispensabile consultare il medico che ha prescritto il farmaco e concordare con lui se variare o meno la terapia.

Esiste un elenco di medicinali omeopatici di pronto soccorso che conviene tenere in casa?

La terapia omeopatica è una cura individualizzata che viene prescritta sulla base delle caratteristiche e del quadro clinico di ciascun paziente. È quindi sempre opportuno consultare il proprio medico prima di assumere i medicinali omeopatici ed evitare il fai da te.

 

In generale però avere in casa alcuni medicinali che hanno azione soprattutto in caso di patologie acute può essere utile. Tali farmaci possono risolvere, dietro consiglio dell’omeopata, alcuni disturbi in attesa della visita del medico.
Tra questi figurano: Aconitum napellus, Apis mellifica, Arnica montana, Belladonna, Bryonia alba, Colocynthis, Ignatia amara, Ipeca.

 

L’assunzione di questi rimedi omeopatici però deve avvenire solo dopo aver consultato il medico che definirà anche la diluizione consigliata.

Tutte le risposte alle principali domande sul mondo dell’Omeopatia

VUOI CONOSCERE ALTRO SUL MONDO DELL'OMEOPATIA?
ALLORA CONTINUA A LEGGERE!

Curarsi con l'Omeopatia

I Rimedi Omeopatici

Hai letto l'ultimo articolo?

Hai letto l'ultimo articolo?

28.05.18

06.06.18

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vuoi essere avvisato ogni mese sulle uscite dei nuovi numeri
del fumetto o sugli ultimi tutorial pubblicati? Allora che aspetti, iscriviti!

IMO S.p.a. | Via Firenze, 34 – 20060 Trezzano Rosa (MI) | Partita Iva: 00714820156 | PrivacyCookie Policy | Credits: Digital for Business