Crea il tuo Comic

Gli elementi tipici del fumetto

Come succede nella vita reale, anche i personaggi dei fumetti parlano, pensano e raccontano. I dialoghi sono indispensabili per farci comprendere meglio sia la storia che le caratteristiche e la personalità dei nostri protagonisti.

 

I dialoghi, come si è già anticipato nell’articolo dedicato a questo tema, sono contenuti all’interno dei balloon. Impossibile non aver mai sentito utilizzare questo termine, a maggior ragione se collegato al fumetto. Il termine inglese balloon è ormai entrato nell’uso comune e può essere tradotto con l’italiano nuvoletta, vocabolo che ci riporta immediatamente alla sua forma più tipica.

 

Umberto Eco ha definito la nuvoletta di dialogo come un elemento fondamentale della semantica del fumetto e, in effetti, è talmente importante da aver influenzato tutta l’evoluzione di questo sistema espressivo. Oltre ai balloon, però, non sono da dimenticare gli altri elementi distintivi del fumetto ovvero le parole onomatopeiche e le didascalie.

 

Scopriamo insieme qualcosa in più su questi elementi e come potrai utilizzarli all’interno del tuo fumetto.

I balloon nei fumetti

Il riquadro contenente il testo dei dialoghi, dei pensieri e della narrazione fuori campo (balloon) si ispira al filatterio, una sorta di cartiglio a forma di pergamena srotolata, che appare in alcune raffigurazioni sacre cristiane e che contiene le parole pronunciate dai personaggi biblici.

 

Il primo personaggio dei fumetti, ovvero Yellow Kid (1895), non si esprimeva attraverso le nuvolette ma con frasi scritte sul suo vestito questo perché i primi balloon sono apparsi nel 1896. Da quel momento però sono diventati la regola, grazie anche all’ampia diffusione dei comics sui quotidiani.

 

I balloon possono essere di tante forme, ognuna delle quali obbedisce a regole e convenzioni che dovrai seguire per riuscire a esprimere meglio il contenuto e il tono del parlato. Ecco le principali a tua disposizione:

  • contorni ben arrotondati e codino a punta: indicano che il discorso è espresso con un tono di voce normale e con la volontà di comunicare qualcosa
  • più balloon uniti insieme con un solo codino: indica sempre un discorso dal tono normale ma nel quale vengono espressi più concetti
  • contorni tratteggiati o sfumati: intendono rappresentare un’espressione sussurrata o bisbigliata
  • balloon con codino ondulato, oppure che esce dalla vignetta: indica una voce fuori campo
  • contorni frastagliati e appuntiti: indicano un grido o una frase pronunciata con un tono di voce molto alto
  • contorni molto arrotondati e diverse nuvolette piccole che escono dalla testa del personaggio: indicano che la battuta è solo pensata, ovvero che il personaggio non pronuncia le parole ma sta parlando tra sé e sé

Anche per il lettering dovrai seguire determinate regole:

  • lettere in neretto: sono pronunciate con tono di voce più alto del normale;
  • lettere con andamento tremolante: indicano freddo o paura;
  • lettere più grandi del normale: indicano emozioni come stupore, rabbia, spavento;
  • lettere più piccole del normale: indicano parole bisbigliate.

Inoltre, se decidi di fare un fumetto a colori, anche il colore dei balloon potrà variare: per esempio un contorno di colore rosa indica che il tema del dialogo tocca toni sentimentali, un colore verde acido è più adatto per frasi sprezzanti e toni duri.
Il colore può anche essere abbinato ad un personaggio: in questo caso in scene dove ci sono tanti personaggi parlanti il colore faciliterà il riconoscimento di colui che parla anche se la voce è fuori campo.

Le didascalie nei fumetti

Un altro elemento tipico del fumetto sono le didascalie ovvero i riquadri inseriti all’interno o all’esterno della vignetta, che contengono commenti, spiegazioni di una determinata scena o indicano cambiamenti di spazio o di tempo tra una scena e l’altra.

 

Nei primi fumetti italiani si faceva spesso ricorso alle didascalie che riportavano addirittura i dialoghi dei personaggi, in quanto la nuvoletta era considerata diseducativa.

 

Oggi, invece, le didascalie sono poco usate dai fumettisti perché non permettono una comunicazione immediata. Sono utilizzate perlopiù come accompagnamento e supporto alla narrazione condotta attraverso le immagini. Nonostante questo la didascalia, a volte, può sostituire utilmente il balloon di pensiero per spiegare il flusso di pensiero del personaggio principale, per esempio quando a voce dice una cosa ma ne pensa un’altra.

Le onomatopee nel fumetto e i suoni inarticolati

Per ovviare alla mancanza del sonoro nel fumetto si fa spesso ricorso alle onomatopee ovvero quei vocaboli che imitano un suono.

 

L’onomatopea possiede un’enorme forza comunicativa: è infatti indispensabile per riportare i suoni e i rumori attraverso mezzi grafici adeguati.

 

Per mantenere alta la carica emotiva prodotta da un determinato fenomeno acustico, nei fumetti le onomatopee sono scritte dentro la vignetta con caratteri molto grandi, spesso frastagliati o arrotondati a seconda del tipo di rumore che si vuole simulare.
Il tipo di carattere utilizzato deve essere strettamente collegato all’immagine a cui si accosta il testo, in quanto evidenzia “visivamente” l’intensità di rumore o le emozioni di chi emette il suono.

 

Nate nel fumetto statunitense, oggi alcune onomatopee sono universalmente valide:

  • BANG: per una pistola che spara
  • BOOM: per un’esplosione
  • CRASH: per qualcosa che si rompe
  • SPLASH: per qualcosa che cade in acqua
  • DRIIIN: per lo squillo del telefono, di una sveglia o di un campanello
  • SMACK: per un bacio
  • SIGH: per un dispiacere
  • SLURP: per l’acquolina in bocca, per esempio se un cibo è molto gustoso
  • GRRR: per la rabbia
  • BRRR: per un brivido (di freddo)
  • MUMBLE MUMBLE: se qualcuno che sta riflettendo
  • BLEAH: per il disgusto
  • SSHHH: per il silenzio
  • ZZZ: per il sonno

Naturalmente le onomatopee non si limitano a quelle appena elencate ma sono tantissime e ognuna di esse è funzionale alla storia che andrai a raccontare… quindi cerca di utilizzarle al meglio!

L’utilizzo di simboli grafici

Nei fumetti vengono spesso utilizzati anche dei simboli grafici che servono a rappresentare lo stato d’animo dei personaggi. Vediamo, ad esempio, i più comuni:

  • un tronco e una sega: vengono utilizzati per rappresentare qualcuno che dorme e che russa rumorosamente
  • il cuore (pulsante o spezzato): indica una situazione sentimentale positiva o negativa
  • la lampadina accesa: è il classico simbolo utilizzato per indicare una “brillante idea”
  • il punto interrogativo: indica un dubbio o una perplessità
  • il punto esclamativo: esprime stupore o incitamento
  • i puntini di sospensione: mostrano un personaggio rimasto letteralmente senza parole
  • le note musicali: possono rappresentare un fischiettio o la presenza di musica

Si tratta di vere e proprie metafore visive che aiutano ad enfatizzare la situazione rappresentata.


 

ESERCIZIO PER IL LETTORE:

Ora che ti sei fatto un’idea chiara degli elementi visivi che hai a disposizione è il momento di metterti alla prova con un esercizio per sperimentare l’utilizzo dei balloon.

Inizia inserendo i dialoghi normali nell’apposita nuvoletta e passa poi ai pensieri, alle voci fuori campo ecc… Individua inoltre dove è possibile inserire delle onomatopee e simboli grafici.

Quando avrai finito fai leggere il tuo fumetto ad un amico e cerca di capire se l’utilizzo fatto dei balloon corrisponde, anche agli occhi degli altri, a ciò che volevi comunicare. Se così non fosse sei in tempo per rimediare!

Buon lavoro 🙂

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Balloon, didascalie e onomatopee: gli elementi tipici del fumetto

Vuoi conoscere tutti i segreti del mondo del fumetto
e le regole di stesura narrativa?
ALLORA CONTINUA A LEGGERE!

Curarsi con l'Omeopatia

I Rimedi Omeopatici

Hai letto l'ultimo articolo?

Hai letto l'ultimo articolo?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vuoi essere avvisato ogni mese sulle uscite dei nuovi numeri
del fumetto o sugli ultimi tutorial pubblicati? Allora che aspetti, iscriviti!

IMO S.p.a. | Via Firenze, 34 – 20060 Trezzano Rosa (MI) | Partita Iva: 00714820156 | PrivacyCookie Policy | Credits: Digital for Business